martedì 25 febbraio 2014

Sformatini di Radicchio rosso e Ricotta

  Trovo delizioso il connubio tra verdure e formaggi dalla consistenza cremosa, così quando ho visto questa ricetta su una rivista di cucina, ho deciso di provarla. In realtà la ricotta l'ho aggiunta io, come al solito tra gli ingredienti della ricetta e la foto c'era un abisso: primo tra tutti non erano indicate le quantità del radicchio, e poi con un solo uovo e, seguendo fedelmente la ricetta, credo che ne sarebbe venuta fuori più una crema di radicchio che un tortino.
Ora la cosa mi fa un tantino innervosire: investire tempo, denaro in alimenti ed energie in un ricetta sballata con il rischio di dover buttare tutto non è cosa da poco. A mio avviso chi scrive una ricetta deve avere rispetto per i suoi lettori, siano essi principianti o cuochi affermati, ma soprattutto vanno proposte ricette testate.
 Mi ripeto: chi legge una ricetta e decide poi di eseguirla dà fiducia al suo interlocutore,e si sa , la fiducia è una cosa seria.

Ingredienti per 6 sformatini:
-radicchio rosso di Chioggia 500 gr
-ricotta 300 gr
- un uovo intero
-parmigiano 60 gr
-uno scalogno
-olio di oliva 40 gr
-sale, pepe, noce moscata q.b.


Attrezzatura:
-stampo in silicone da 6 muffin

Nel boccale inserire il parmigiano e tritare 10/15 sec velocità 4/5; mettere da parte.
Lavare il radicchio, sgrondarlo bene dall'acqua, e con l'aiuto di una mandolina ridurlo a listarelle ( si può tritare anche direttamente nel boccale).



Lavare il boccale, inserire lo scalogno e tritarlo 5/6 secondi velocità 4/5; raccogliere il trito con la spatola, introdurre l'olio, e cuocere 3 minuti 100° velocità 1;aggiungere il radicchio e cuocere 15 minuti 100° Velocità 2 senza misurino.

 
Al termine aggiungere il sale e il pepe e cuocere ancora 10 minuti temperatura varoma. Travasare il radicchio in ciotola e far raffreddare bene in frigo o in abbattitore .
Rimettere il radicchio nel boccale, unire la ricotta, il parmigiano, l'uovo, la noce moscata e frullare circa 7 secondi velocità 5.



Ungere il fondo e le pareti degli stampini, riempirli con il composto fino all'orlo pareggiandoli con il dorso di un cucchiaio, spennellare la superficie con olio di oliva e cuocere in forno a 180° per circa 35 minuti.

 
 
 
 
 
N.B.:
  •  Per la presenza del radicchio, gli sformatini presentano un gusto amarognolo, che si attenua dopo la cottura.
  • Appena sfornati i tortini tendono a "sedersi" un pochino ma è normale.
  • Il composto di radicchio e ricotta, senza l'aggiunta di uovo e senza la seconda cottura in forno, secondo me si presta bene ad essere spalmato su fette di pane tostate

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL CONTEST DEL BLOG
 
 
 
 




20 commenti:

  1. Hai fatto + che bene fare di testa tua..anche a me speso è capitato di combinare disastri seguendo delle ricette prese da libri o riviste :-(
    I tuoi tortini sono davvero affascinanti ^_^
    Buona serata <3

    RispondiElimina
  2. Lo sai Antonella che non ho mai mangiato il radicchio rosso cotto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paoletta, anni fà non riuscivo a mangiarlo per il suo sapore amarognolo, adesso invece ho cominciato ad apprezzarlo tantissimo sia crudo che cotto:****

      Elimina
  3. Ciao Consuelo, grazie! A me capita spesso, non ti nascondo che compro le riviste più per le foto che per le ricette...ti mando un bacio:**

    RispondiElimina
  4. Splendidi ed invitanti i tuoi tortini! Ora sarebbe che tu mandassi le foto anche a quella rivista, precisando come hai eseguito la ricetta, per far vedere che tu hai più capacità di loro. A parte che ho notato spessissimo anch'io imprecisioni, mancanze e foto assolutamente non corrispondenti a quello che avrebbe dovuto essere. Praticamente le riviste servono solo come spunto.
    Complimenti a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ornella sei gentilissima, anche se o non mi stancherò mai di ripeterlo che tutto quello che so lo devo a tutti coloro che ho seguito e seguo nel corso degli anni, compresa te:**
      Circa le foto da mandare, io credo che la pubblicità negativa se la fanno da soli: nel momento in cui le persone cominciano a notare le imprecisioni, s'insinua il dubbio e le vendite, come la fiducia, calano, almeno per me è stato così. Il fatto è che queste riviste hanno un costo oltre che un nome, ed è davvero un peccato visto che danno lavoro a una moltitudine di persone.

      Elimina
  5. bravissima sono venuti benissimo ed ai fatto bene a seguire la tua esperienza questi sformatini mi fanno venire fameeeeeeeee!!! :)
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  6. lastufaeconomica27 febbraio 2014 14:05

    buonissimo il radicchio rosso e deliziosi questi sformatini, grazie, ciao

    RispondiElimina
  7. ciao Antonella ;:)
    questa ricetta è favolosa ...deve essere una prelibatezza e non appena farò la spesa prenderò gli ingredienti perchè è proprio da provare!!!
    Complimenti per il tuo blog
    Con molto mio piacere ti ho assegnato un premio
    http://mestololilla.blogspot.it/2014/03/blogger-awards.html
    a presto:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carla ne sono onorata, vengo subito a vedere!

      Elimina
  8. Ciao Antonella, ho un premio per te!
    http://ilcuorearrosto.blogspot.it/2014/03/premio-liebster-award.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola, grazie, non me lo aspettavo!

      Elimina
  9. Antonella vorrei informarti che ho scelto il tuo blog per il premio The Versatile Blog Award, per il regolamento vieni a trovarmi sul mio blog.

    RispondiElimina
  10. Sono d'accordo, chi ti dedica il suo tempo ed il suo apprezzamento va trattato con molto riguardo, è un dovere!
    Complimenti. Mi sono unita al blog. Se ti va di sbirciare e di unirti www.passionelight.it
    A presto. Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorena, grazie, vengo subito a sbirciare

      Elimina
  11. Ciao!!! Buonissimi questi sformatini!! Piacere di averti trovato!

    RispondiElimina