martedì 6 dicembre 2016

Pandoro 2014 con il kenwood

Prosegue la produzione del Pandoro, questa volta ho adattato la mia ricetta con il bimby al Kenwood  aggiungendo agli ingredienti originari un cucchiaino di miele....una nuvola!


N.B.: i tempi di cottura e lievitazione riportati nella ricetta sono indicativi: è possibile che essi possano essere più lunghi o più brevi in base alle condizioni climatiche della propria cucina nonché al proprio forno.

Ingredienti per uno stampo di alluminio da 1 kg
Per la biga:
 1 bustina di lievito di birra secco ( io ho usato la marca Belbake -in vendita presso la Lidl)
50 ml di acqua a temperatura ambiente
100 gr. di farina Manitoba

Per l’impasto:
4 uova medie intere
150 gr. di zucchero
250 gr. di  burro
400 gr. di farina  Manitoba
4 cubetti di cioccolato bianco
1 bacca di vaniglia o 1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di miele
 buccia grattugiata di un limone


1° giorno h. 19.30
PREPARAZIONE DELLA BIGA:

-Mettere nella planetaria la bustina di lievito di birra con i 50 ml di acqua e i 100 gr di manitoba; inserire il gancio a foglia e lavorare : 1 minuto, 30 secondi/velocità 1-2, fino a che non si forma un impasto compatto .
-Formare una palla, mettere in un contenitore e lasciare riposare in frigo tutta la notte.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
2° giorno h. 7.00- PRIMO IMPASTO:
-Mettere nella planetaria la biga, 50 gr. di zucchero, 50 gr. di burro, 150 gr. di farina, la buccia grattugiata del limone:gancio a foglia  3 min./ vel.da 1 a 2.
 
 
  -Inserire un uovo intero e sempre con il gancio a foglia facciamo assorbire l'uovo e incordare l'impasto : velocità da 1 a 3.

-Quando questo è stato assorbito bene dall’impasto aggiungere un altro uovo e facciamolo assorbire : 3minuti,30 secondi/ velocità da 1 a 3. (N.B.: mancano le foto dell'aggiunta delle uova)

 - Inserire il gancio a uncino e lavorare l'impasto 4 minuti velocità da 1 a 3 per farlo incordare.


 
 
 
 -Mettere l'impasto in una ciotola della capacità di 1 l e far raddoppiare l'impasto in un luogo caldo , o come ho fatto io, in abbattitore modalità lievitazione /30°/fino al raddoppio, coprendo l'imboccatura della ciotola con pellicola.
 
 
 
 
 

 -Intanto sciogliere i quadrotti di cioccolato bianco a bagnomaria insieme ai 30 gr di burro morbido a pezzi e al cucchiaino di miele; amalgamare il tutto rendendolo cremoso e liscio, poi conservare in un luogo fresco, ma non in frigo.
 
 
 
 
 
2° giorno – h 9.00 SECONDO IMPASTO: -Lavorare l’impasto in planetaria: 3 min./ velocità da 1 a 3 con gancio a foglia.

 -Aggiungere all’impasto la vanillina o i semini di vaniglia, 100 gr. di zucchero,250 gr. di farina: 3 min./ velocità da 1 a 3 con gancio a foglia.
 
 
 -Aggiungere i 170 gr. di burro a temp. ambiente e tagliato a piccoli pezzi: lavorare l'impasto da 1 a 3 con gancio a foglia,  il tempo necessario per farlo assorbire (circa 4/5 min.).

-Al termine inserire un uovo intero :3 min./velocità da 1 a 3 con gancio a foglia.

-Quando questo è stato assorbito bene dall’impasto aggiungere un altro uovo: 3 min./velocità da 1 a 3 con gancio a foglia.

 -Lavorare l'impasto 5 min./ gancio a uncino per farlo incordare.

 -Travasare l'impasto una ciotola e asciar lievitare  in luogo caldo  fino a che non raggiunge di nuovo il bordo( io in abbattitore modalità lievitazione /30°/  per circa 3 h ).
 
 
 
 
 
 
2° giorno h 12,30 terzo impasto: -A lievitazione raggiunta lavorare l’impasto in planetaria con gancio a uncino: 3 min./ velocità da 1 a 3.

-A questo punto introdurre l'emulsione di burro, cioccolato bianco e miele, lavorando l'impasto per altri 3 minuti/velocità da 1 a 3 con gancio a uncino  .
 L'impasto deve incordare cioè deve presentarsi omogeneo ed elastico, senza grumi, e se si solleva dal boccale non deve strapparsi. L'incordatura servirà a sviluppare la maglia glutinica che darà poi struttura all'impasto  stesso; inoltre nel sollevarlo con le mani unte si presenterà come un velo trasparente.
 
 
 
 
 
 
 
-Imburrare ed infarinare lo stampo bene, travasarvi l’impasto, e lasciarlo lievitare in luogo caldo fino a che non raggiunge il bordo della stampo( io ho fatto lievitare in abbattitore coperto con pellicola, che poi ho tolto prima che l'impasto raggiungesse il bordo).
L'impasto deve presentarsi liscio, leggero, non appiccicoso, si riesce a sollevarlo con la mano .
 
 
 
 



-A lievitazione avvenuta cuocere in forno ad una temperatura di circa 170/180° (non di più) per circa 45/ 50 minuti( ognuno si regoli in base al proprio forno). Se la superficie dovesse colorarsi troppo, coprire con un foglio di alluminio.

- Fare prova stecchino,sfornare e lasciare raffreddare bene.

-Cospargerlo di zucchero a velo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

22 commenti:

  1. ciao Anto è bellissimo ,ho modificato l'emulsione in settimana , ora il gusto è piu' deciso e somigliante al pandoro ,da provare con il Ken ,il tuo è stupendo ,brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dame, grazie! Vero , piccole modifiche che però cambiano il risultato.

      Elimina
    2. Grande Anto......è bellissimoooooooo

      Elimina
  2. Ma come sei brava, io anche quest'anno mi sono riproposta di farlo ma non sono riuscita ancora a trovare lo stampo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paoletta,grazie, sapessi quanti anni ci ho provato a farlo, ma sai che ti dico? provaci, se ci sono riuscita io che non sono un'esperta pandoratrice...e poi in fin dei conti, è più lungo da leggere che da fare, durante le lievitazioni si può fare altro, e per le lavorazioni ci sono i nostri aiutanti di cucina.

      Elimina
  3. Un risultato davvero stupendo O_O Anch'io quest'anno vorrei provare a fare il pandoro (oggi ho giusto comprato lo stampo!) e sto cercando la ricetta giusta..quasi quasi prendo spunto, convertendo il lievito di birra con il lievito madre :-)
    Speriamo bene :-)
    Complimenti e buon inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Zia! Grazie! Io sto appunto cercando una ricetta con il lievito madre, quindi io aspetto il tuo pandoro...Grazie di nuovo e buona settimana anche a te:**

      Elimina
  4. No va beh n primis ti ringrazio per aver convertito questa bella ricetta con i Ken che è anche un mio fido amico ^_^
    L'unica cosa che mi frena dal provarci sai cos'è? Il fatto di dovermi alzare così presto.....ah ah ah!!!!
    Ma se ci provo, provo la tua versione!
    Grazie!
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina, allora abbiamo un amico in comune ah ah ah. Ma dai le 7.00 non sono proprio un orario indecente, il fatto di iniziare presto è dettato dalla necessià di non dover fare poi una nottata per cuocerlo...però nulla vieta di modificare gli orari in base alle proprie necessità
      Ma grazie a te, se lo provi mi farebbe taaaanto piacere sapere cosa ne pensi, accetto tutto, anche i pareri negativi, perché ogni consiglio è buono per migliorarsi...a prestoooo

      Elimina
  5. BRAVISSSSSSSSSSSSSSIMA soprattutto perchè è uno dei lievitati in assoluto più difficile!!! Complimenti

    RispondiElimina
  6. Non sono passata di qui per complimentarmi per il pandoro (è venuto benissimo e l'elasticità dell'impasto è eccezionale!), ma per dirti che sei una persona speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tania! No, e così adesso mi confondi.....ti mando una carovana di baci!:*************

      Elimina
  7. Ciao,ho già provato la tua ricetta ed è venuto stupendo,poi ne ho fatto un secondo...na schifezza,buttato...xche` avevo aggiunto 200gr di gocce di cioccolato,non so dove ho sbagliato le ho aggiunte nell' ultimo impasto....ora ne ho due in lievitazione(speriamo bene!!!)però li ho fatti senza cioccolato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana mi fa piacere sapere che ha provato la ricetta e ti ha soddisfatto, e mi dispiace che non è stata la stessa cosa per il secondo...non credo sia dipeso dalle gocce, piuttosto è possibile che non sia lievitato bene e questo abbia interferito con la riuscita, di più non so dirti. Dai incrocio le dita per i pandori e voglio assolutamente sapere come è andata a finire. Grazie a te per aver provato la ricetta, ti auguro un buon Natale.

      Elimina
  8. Io ho rifatto con il kenwood e devo dire che l'impasto e' diverso ...professionale rispetto al Bimby, molto buono; ho utilizzato un lievito secco per panificazione con lievito madre pane degli angeli; infatti la biga non e' aumentata molto e la lievitazione e' stata piu' lenta ch ecol cubetto ...tu usi un lievito secco particolare? le uova sono medie o grandi? Il pandoro e' venuto buono ma non ho raggiunto ancora la sofficita' della tua foto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, innanzitutto grazie per aver provato la ricetta.
      Per quanto riguarda il lievito ho usato il lievito di birra granulare della BELBAKE comprato alla lidl
      Non ho mai usato il lievito di madre secco, ma credo che prima di procedere all'impasto questo andava rinfrescato come per la pasta madre fresca: probabilmente per tale motivo la lievitazione è stata più lenta, ma ripeto in merito non ho nessuna esperienza.
      Le uova che utilizzo di solito sono del tipo medio.
      il pandoro fa parte della categoria dei grandi lievitati, è un impasto piuttosto ricco di uova e di burro, e se qialche fattore interferisce con la lievitazione, è possibile che ne risenta anche la sofficità del prodotto finale.
      Comunque sia tieni presente che i tempi di cottura e lievitazione riportati nella ricetta sono indicativi: è possibile che essi possano essere più lunghi o più brevi in base alle condizioni climatiche della propria cucina nonché alle caratteristiche di cottura del proprio forno.
      ed infine mi sento di dirti di non scoraggiarti e di perseverare : se sei arrivata a fare il tuo primo pandoro, quindi fatto in casa, con ingredienti che hai scelto tu, con le tue mani e , soprattutto con la tua passione, hai gettato le basi per un futuro pieno di soffici pandori.
      A presto con il tuo prossimo pandoro!

      Elimina
  9. Ho rifatto il pandoro con il kenwood ed e' venuto molto meglio, ma vorrei forse ancora piu' soffice, anche se l'emulsione e' quella necessaria per dare al pandoro il sapore di quello acquistato; ti chiedo: quale lievito secco utilizzi preferenzialmente? mastro fornaio o per panificazione.questo perche' rispetto al cubetto ho utilizzato un lievito secco per panificazione della pdA ma e' lievitato molto lentamente a partire dalla biga.poi le uova sono medie o grandi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao mambrico, grazie anche a te per aver provato la ricetta.
      Effettivamente l'emulsione è quella che conferisce al pandoro casalingo quasi lo stesso sapore di quello acquistato: dico quasi, perché credo che le nostre preparazioni casalinghe non potranno mai essere uguali ai prodotti dolciari industriali per ovvie ragioni.
      Ti riporto quello che ho scritto più su: "Per quanto riguarda il lievito ho usato il lievito di birra granulare della BELBAKE comprato alla lidl. Non ho mai usato il lievito di madre secco, ma credo che prima di procedere all'impasto questo andava rinfrescato come per la pasta madre fresca: probabilmente per tale motivo la lievitazione è stata più lenta, ma ripeto in merito non ho nessuna esperienza.
      Le uova che utilizzo di solito sono del tipo medio.
      il pandoro fa parte della categoria dei grandi lievitati, è un impasto piuttosto ricco di uova e di burro, e se qialche fattore interferisce con la lievitazione, è possibile che ne risenta anche la sofficità del prodotto finale.
      Comunque sia tieni presente che i tempi di cottura e lievitazione riportati nella ricetta sono indicativi: è possibile che essi possano essere più lunghi o più brevi in base alle condizioni climatiche della propria cucina nonché alle caratteristiche di cottura del proprio forno."
      A presto

      Elimina
  10. Grazie per dato a noi casalinghe la possibilità di provare a fare in casa il pandoro.Ora che mi è stato regalato il Kenwood proverò 😘Scusa vorrei per favore,i grammi del cioccolato bianco . Grazie 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ma grazie a te per la fiducia! La dose del cioccolato bianco è di quattro quadratini
      A presto!

      Elimina